Series

The gift (2011-2012)

Project details

Category

Series

The gift è una raccolta di luoghi, pubblici e privati, costruiti da e per la fede, attraversati con un approccio sommerso e rispettoso o, in altri casi, sublimati.
Attraverso l’osservazione di luoghi che spaziano tra splendide basiliche, strade o, addirittura, mercatini delle pulci, l’autore è spinto ad esorcizzare l’indelebile imprinting religioso, radicato nel suo sostrato culturale, cercando una chiave di lettura al bisogno interiore che ha portato alla realizzazione di luoghi dedicati, donati.
The Gift si interroga sul senso di tanto fervore e, contemporaneamente, sullostraniamento che l’abbandono e l’incuria producono, questa serie di fotografie descrive il viaggio di chi, archiviate le suggestioni dell’infanzia e dell’adolescenza, rivolge uno sguardo curioso ed attento per scoprire il pathos di sentimenti in perenne contrasto tra loro.
Schegge variegate e frastagliate composte da figurazioni molteplici (artistiche o artigianali che siano), orientano la nostra visione verso l’archetipo primordiale dell’Amore. Architetture, arredi e opere d’arte compongono il linguaggio esoterico dell’Amore sublimato. Ogni osservatore è pronto a percepirne il senso, senza ricorrere alla mediazione del logos.
L’altare, l’icona, diventa metafora di un sentimento. Per contrappasso, l’incuria, l’abbandono, il gesto del vandalo o il ponteggio – altare esso stesso, eretto agli eterni lavori in
corso – sono paradigmatici della rinuncia o dell’incapacità di realizzare l’Amore. Come abili artigiani, lavoriamo di cesello alla costruzione di un tempio ideale dedicato al più nobile dei sentimenti. Ma, interpreti dell’eterno conflitto di Empedocle – Philìa (Amore, Amicizia) e Neikos (Discordia, Odio) – ci dimostriamo incapaci di realizzare nella dimensione concreta del vivere quotidiano ciò cui maggiormente aneliamo.
Angelo Marinelli immerge lo spettatore in questo straniamento ignorando il mezzo tecnico utilizzato ed esprimendo inquietudine e frustrazione.
Ferite e cicatrici di tutti noi che ci misuriamo quotidianamente con Eros Thanatos.
Share on
Previous

1 2 3 4 5 Silence (2009)

Next

è inevitabile dimenticarsi di essere stati déi (2012 – 2013)